Tariffe Dinamiche

Visite: 1407

La tariffazione dinamica applicata sulla base della previsione di occupazione, e non dalle prenotazioni  già acquisite, è una delle condizione per poter applicare in modo corretto le proprie strategie di Revenue Management. Uno dei problemi più frequenti nello sviluppo delle strategie basate su più listini dinamici è che risulta molto difficile non perdere di vista il risultato finale in termini di volume di revenue, per esempio:

6 diverse tipologie di camere, per ognuna un listino dinamico standard ed uno "not refundable",  listini week e listini week-end, il tutto suddiviso per altrettanti listini in "BB" e "RO". A questo punto prevedere il propio fatturato giornaliero e di fine anno a fronte, per esempio, del 64% di occupazione è veramente difficile.

Con questo esempio basato su 5 step tariffari è possibile sviluppare una strategia e testare il risultato in base all'occupazione prevista, naturalmente i report potrebbero essere anche decine e gli step tariffari molto più numerosi ma il risultato sarebbe comunque sempre lo stesso: dati di facile lettura sui quali poter eseguire un numero quasi infinito di variabili.

Prima di essere uno strumento di business intelligence questo tipo di modello è un vero e proprio tool di Revenue Analytics in cui possono essere inseriti, oltre agli step tariffari ed alle previsioni di occupazione, la comparazione con tutti gli indici  "previous year" ed "year to date".